Rimedi Naturali Contro i Malanni di Stagione: Ecco Alcuni Consigli Utili

Come curare le malattie da raffreddamento con alcuni rimedi naturali, e attraverso prevenzione e attività fisica?

Qui sotto trovi molti suggerimenti utili per risolvere questi piccoli malanni di stagione molto fastidiosi che si ripetono ogni anno.

Come Prevenire i Malanni di Stagione?

malanni di stagione, rimedi naturali

Sembra un appuntamento stagionale, con l’arrivo della brutta stagione oltre al periodo freddo, piovoso e umido, arrivano anche i primi malanni.

Questi sono perlopiù raffreddore, febbre, mal di gola e tosse, e nella maggior parte dei casi si tratta di malattie virali che possono essere facilmente prevenute e difficilmente debellate.

Anche quando la cura é risultata risolutiva restano sempre alcuni fastidiosi strascichi che ci portiamo dietro per alcuni giorni o settimane.

Il primo approccio che possiamo e dobbiamo avere con queste di malattie è di tipo preventivo.

Abbiamo uno splendido strumento, il nostro sistema immunitario, che se curato e mantenuto in perfetta forma, è in grado di aiutarci a respingere tutti (o quasi) gli attacchi del “mondo esterno”.

E’ evidente che parlando di malattie di tipo virale è facilmente intuibile che chi è a contatto con il pubblico ha maggiore possibilità di contagio.

Lavarsi spesso le mani e arieggiare i locali spesso, come ad esempio le camere da letto o il luogo di lavoro, può aiutarci a ridurre il contagio con quegli agenti che possono farci ammalare.

Tuttavia se state pensando alla clausura come soluzione preventiva sappiate, che non è la migliore scelta.

Il sistema immunitario è in infatti grado di imparare a riconoscere gli attacchi e agire di conseguenza, per cui quando il sistema immunitario acquisisce maggiori informazioni riesce anche ad attivare dei meccanismi nuovi in grado di contrastare malattie ad esso già note.

Quindi un sistema immunitario più allenato è anche un sistema immunitario più forte.

Questo almeno in teoria! Purtroppo esistono molti fattori che rendono spesso inutile la reazione del nostro sistema immunitario, con la conseguenza che anche una “vecchia conoscenza virale” ci rimette a letto con qualche forma di malore invernale.

Nel complesso meccanismo del sistema immunitario può succedere anche che il sistema cada in conflitto con se stesso, reagendo cioè a cellule proprie che evidentemente non è più in grado di riconoscere come tali.

In questo caso si può parlare o di malattie autoimmuni e di allergie: l’allergia è una risposta esagerata ad agenti esterni che sono normalmente presenti negli ambienti che frequentiamo e che vengono interpretati come dannosi.

Essi sono perlopiù di natura minerale, vegetale o animale. Le malattie autoimmuni possono invece essere l’ artrite reumatoide o la sclerosi multipla. In questi casi il sistema immunitario prende le difese dell’organismo da agenti propri che non riesce più a riconoscere.

Ma questi sono casi più estremi e complessi.

Il nostro sistema immunitario può cadere in difficoltà anche a causa di:

  • stress,
  • malattie,
  • stanchezza psicofisica,
  • alimentazione errata,
  • eccesso di utilizzo di sostanze alcoliche e/o droghe leggere,
  • fumo.

Le persone fisicamente più sane sono anche le più immuni alle malattie.

Cosa puoi fare quindi per migliorare la propria salute?

Tantissimo. Iniziando dalla tavola.

Innanzitutto gli eccessi non fanno mai bene.

Pertanto occorre fare attenzione alla propria alimentazione favorendo frutta e verdura di stagione, cioè quegli alimenti che contengono tutti i nutrienti utili al nostro organismo per le necessità stagionali.

Il classico esempio è il consumo di agrumi in inverno, contenendo vitamina C ci aiutano a rinforzare le nostre difese contro i malanni invernali.

Inoltre si dovrebbe aiutare la propria digestione non appesantendola con eccesso di cibi grassi, soprattutto la sera.

Mangiare diversificato aiuta inoltre il nostro organismo a reintegrare di tutti i minerali, gli aminoacidi e le vitamine di cui abbiamo bisogno.

Fare sport, ma senza eccesso!

Lo sport aiuta a restare sani, se fatto senza eccessi. Infatti gli eccessi, cioè lo sport finalizzato al raggiungimento di un’ obiettivo (un tempo migliore sul giro, o il sollevamento di un carico maggiore di pesi) tendono a stressare il nostro organismo che perde la naturale capacità di conoscere i propri limiti.

Lo sport eccessivo affatica inoltre il cuore e può dare problemi ai legamenti e alle ossa. Uno sport fatto di frequente ma con moderazione rafforza il fisico e le nostre difese.

Rimedi Naturali: Ecco le Migliori Erbe Officinali

La natura inoltre ci offre delle erbe officinali utili per rafforzare le nostre difese.

Le piante più note e impiegate per coadiuvare le funzioni del sistema immunitario sono:

  • Echinacea,
  • Uncaria,
  • Rosa Canina
  • Acerola.

Quelle per aiutarci contro stress e stanchezza sono:

  • Ginseng,
  • Guaranà,
  • Rhodiola rosea
  • Whitania.

Vediamole in dettaglio.

L’ Echinacea è un fiore del nord America da secoli impiegato dai nativi contro stanchezza (anche di tipo sessuale) contro le malattie invernali e come immunostimolante. Molti studi hanno dimostrato che un impiego di estratti di Echinacea può aiutare a prevenire molti di questi malanni.

L’ Uncaria, o unghia di gatto per la forma della foglia, é una pianta che viene impiegata anch’essa come immunostimolante e nei casi di artrite e osteoartrite.

Il suo impiego é stato valutato per la prima volta a partire dagli anni 70 dello scorso secolo. Tali ricerche si sarebbero concentrate su alcuni alcaloidi chiamati Oxindoli che sarebbero ritenuti responsabili dell’attività immunostimolanti e antinfiammatorie.

Rosa canina e Acerola sono erbe officinali ricche di vitamina C. L’acerola in particolare è considerata la pianta dal frutto con il maggiore quantitativo di vitamina C in assoluto.

Ginseng e Guaranà sono erbe officinali che aiutano contro stress e stanchezza.

Il Ginseng è noto per la sua radice “uomo”. E’ una pianta officinale originaria della Cina ed il suo impiego è conosciuto un po’ a tutti. Oltre alle proprietà più note come agente contro la stanchezza, il ginseng è anche un ottimo immunostimolante.

Il Guaranà invece è una liana originaria dell’Amazzonia, il suo frutto rosso é conosciuto con il nome di “frutto della gioventù”, ed impiegato per le mille proprietà stimolanti e afrodisiache. Tra i principi attivi della pianta il più concentrato é certamente la caffeina sostanza che agisce direttamente sul sistema nervoso centrale (SNC) migliorando l’attenzione, il rendimento e la concentrazione.

Rhodiola rosea e Withania sono erbe officinali “adattogene”, cioè in grado di aiutare l’organismo a reagire agli agenti negativi esterni quali stress e stanchezza psicofisica, migliorano la resistenza alla fatica e la qualità del sonno. Un loro impiego per almeno un mese è un buon trattamento contro condizioni di stress di varia natura.

Tutte queste erbe officinali sono normalmente sicure alle dosi raccomandate dai produttori, non hanno controindicazioni particolari ed il loro impiego può essere anche prolungato se si ha l’attenzione di adoperare alcuni accorgimenti, come la periodica sospensione del trattamento per alcuni giorni ogni mese di impiego.

Leggi le avvertenze sulle confezioni e in caso di dubbi o situazioni fisiologiche particolari, o durante l’impiego di medicinali particolari, consulta il parere medico per una maggiore sicurezza.

Articolo scritto da Enrico Nunziati, responsabile di Rodiola Erboristeria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *