L’ABC della primavera: C come Chili…di troppo!

La tanto attesa bella stagione sembra essere finalmente arrivata! Il sole illumina le nostre giornate e…il panico della “prova costume” cresce!!

Lo dimostrano i numerosi cartelli pubblicitari che affollano le vetrine delle farmacie, dove ragazze con fisici da urlo (le cui bilance non hanno mai segnato i 60Kg) assicurano ventre piatto e 2 taglie in meno, grazie ad una “naturalissima” ed efficacissima pillola miracolosa.

Come resistere ad una simile promessa? L’inverno ha contribuito ad aumentare le nostre “riserve energetiche”, che ora diventano chili di troppo, da smaltire il più in fretta possibile per goderci, senza sensi di colpa, la passerella estiva.

prodotti-dimagranti

Prodotti dimagranti…o presunti tali!

Troneggiano numerosi sui banconi delle farmacie, ma anche nel reparto “dimagranti” dei supermercati…sono gli integratori dietetici, a cui sono dedicate massicce campagne pubblicitarie che, anzichè incentivare la riduzione dell’assunzione calorica e/o la modificazione delle abitudini alimentari, assicurano risultati evidenti con poca spesa in termini di tempo e fatica.

Tutti questi prodotti, che non necessitano di alcuna prescrizione medica, hanno (guarda un pò) fra le avvertenze: “in abbinamento ad una dieta ipocalorica e ad  esercizio fisico“…forse che se faccio sport e seguo un regime dietetico ipocalorico (a patto che si tratti di sovrappeso, senza complicanze metaboliche) dimagrisco comunque??? …….

Ma vediamo quali sono i meccanismi d’intervento ed i principi su cui si basa la Fitoterapia (perchè di componenti vegetali si tratta) a scopo dimagrante:

  1. accelerazione del metabolismo (trasformazione energetica degli alimenti ed aumento del consumo calorico). E’ il caso dei preparati che aumentano la temperatura corporea (integratori termogenici chiamati anche “brucia-grassi“) incrementando la produzione energetica utilizzando grassi, o quelli che  stimolano, ad esempio, la tiroide, per apporto di iodio, aumentando la produzione degli ormoni tiroidei che, a loro volta, stimolano il metabolismo basale;
  2. riduzione dell’assorbimento e successiva attivazione dell’eliminazione di zuccheri e grassi: a questo scopo si usano diversi vegetali con effetto diuretico e lassativo, che danno, si, la sensazione immediata di “leggerezza” ma non influiscono sulla massa grassa in eccesso!
  3. riduzione del senso della fame: quest’obiettivo si può ottenere con l’ausilio delle fibre vegetali. Queste sostanze, in grado di comportarsi come delle spugne, rigonfiano in presenza di acqua, con conseguente senso di pienezza ed impedimento dell’assorbimento dei nutrienti. Generalmente vengono sconsigliati per tempi prolungati a causa di problemi gastrici ed intestinali a cui possono dare origine.
  4. In questa lista non possiamo dimenticare la barrette a basso contenuto calorico ed i sostitutivi del pasto!

Ce ne sono a decine ed ogni anno la gamma si arricchisce di nomi nuovi, versioni moderne o arricchite. Al di là delle novità commerciali, però, i componenti di base di queste formulazioni dimagranti sono quasi sempre gli stessi, divisi tra quelli la cui efficacia è ancora da dimostrare e quelli che non ne hanno affatto!

Ma un dato scientifico c’è: nessun integratore alimentare è in grado di far dimagrire! Ed è per questo che sulle confezioni, così come in pubblicità, le aziende sono oggi obbligate ad indicare questi prodotti come “coadiuvanti di una dieta ipocalorica“. I soli rimedi di una certa efficacia per perdere peso sono farmacologici, ma questo prevede un attento esame ed un costante controllo medico!

Non precipitiamoci, allora, ad acquistare pillole miracolose, quando i contorni della “pancetta” diventano più evidenti sotto gli indumenti estivi…l’unico risultato che otterremo sarà allegerire il portafoglio e mettere a tacere la coscienza, ma senza alcun guadagno!

La perdita dei chili di troppo deve prevede come primo passo una seria presa di coscienza da parte del soggetto in sovrappeso, il consiglio di un nutrizionista o dietologo e quindi il serio impegno e la costanza nell’adottare uno stile di vita, alimentare e sportivo, che richiede sacrificio ma che è anche l’unico a dare risultati tangibili!

13 Comments

  1. Armando
  2. Armando
  3. Armando
  4. Armando
  5. Roberta
  6. Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *