Integratori Dietetici: ne abbiamo davvero bisogno? (seconda parte)

La dieta non dà i risultati sperati? Fa troppo caldo per andare in palestra o a correre?…forse l’aiuto può venire dalla farmacia!

Dico “forse” perchè se falliscono dieta ed attività fisica (falliscono o si abbandonano?), solo gli ottimisti (o i creduloni) possono sperare di dimagrire mantenendo uno stile di vita sedentario e mangiando come al solito!

dimagranti1

Nella prima parte di questo articolo abbiamo parlato delle variabili che stimolano il nostro organismo a consumare di più e bene le fonti energetiche (alimentari e di riserva) a nostra disposizione. Ora prendiamo in considerazione i veri protagonisti di questa trattazione, gli Integratori Dietetici.

Principi Attivi più famosi

Se andiamo a leggere la composizione dei diversi “prodotti dimagranti” presenti nelle nostre farmacie, salta subito all’occhio la presenza quasi costante di alcuni principi attivi: citrus aurantium, fucus, fucoxantina, glucomannano, faseolamina, te verde, chitosano, cromo, etc.

Tuttavia, se non siamo del settore e ne sappiamo poco di Fitoterapia e sostanze dimagranti, non possiamo fare una scelta mirata, in base alle nostre specifiche esigenze, e rischiamo di spendere tanto per qualcosa di poco adatto o che, addirittura, può comportare seri rischi per la salute!

Internet è una fonte inesauribile di informazioni per chi ha voglia di saperne di più, in maniera approfondita, perciò qui di seguito mi limito ad una breve ed essenziale carrellata di presentazione:

  • CITRUS AURANTIUM ( o Arancio Amaro): appartiene alla categoria dei cosiddetti brucia-grassi. L’ estratto secco di Citrus Aurantium contiene delle amine simpaticomimetiche che lo rendono capace di far diminuire il grasso in eccesso, attraverso un aumento della termogenesi. La termogenesi è un processo metabolico che consiste nella produzione di calore da parte dell’organismo, soprattutto nel tessuto adiposo (con aumento della beta-ossidazione dei grassi) e muscolare. Poichè il peso corporeo è determinato dal bilanciamento fra calorie introdotte con gli alimenti e quelle bruciate con l’attività fisica e con i vari processi metabolici quali digestione, respirazione etc (metabolismo basale), stimolando la termogenesi si può ottenere un certo controllo del peso corporeo.
  • FUCUS VESICOLOSUS: è un’alga marina utilizzata come stimolante del metabolismo basale nei casi di obesità ed ha un ampio utilizzo in prodotti dimagranti…ormai pochi non lo conoscono! L’azione dimagrante del Fucus è dovuta essenzialmente allo iodio (in forma inorganica o legato a proteine) in esso contenuto. Questo elemento viene assorbito rapidamente dall’organismoe va a concentrarsi nella tiroide dove viene incorporato negli ormoni tiroidei, tiroxina e triiodotironina. L’aumentata funzionalità tiroidea può portare ad un aumento del metabolismo basale con un conseguente incremento della metabolizzazione dei grassi. Attenzione, perciò, per chi soffre di Ipertiroidismo!!
  • FUCOXANTINA: l’Alga Wakame è un’alga diffusa nell’oceano pacifico, e di recente ha avuto un picco di notorietà dovuto al fatto che il suo pigmento, la fucoxantina, sembra avere delle notevoli capacità dimagranti, per questo è molto impiegata nei moderni prodotti finalizzati alla perdita di peso. Una ricerca giapponese pare abbia dimostrato che la fucoxantina aumenti l’attività di alcune proteine, chiamate UCP (Uncoupling Proteins), presenti ne tessuto adiposo, che fanno aumentare la velocità con cui è “bruciato” il grasso addominale, definito grasso bianco (per distinguerlo dal grasso bruno). Il grasso bianco è il più pericoloso per la salute, in quanto favorisce l’instaurarsi di malattie cardiovascolari e diabete di tipo II. La Fucoxantina permette quindi all’organismo di utilizzare più facilmente il grasso bianco addominale come “carburante”, facilitando il dimagrimento proprio in quella zona attorno alla vita che è così difficile da ridurre!

…studi, evidenze sperimentali, risultati scientifici…è davvero così facile???

La descrizione degli altri principi attivi è rimandata al prossimo articolo, perciò continuate a seguirci!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *