Raffreddore: quali farmaci usare?

Starnuti? Gola infiammata? Naso chiuso? La diagnosi è abbastanza semplice: è in corso un bel raffreddore! D’altronde si sa, questo comunissimo malanno è tipico della stagione invernale e se il più delle volte si risolve senza troppe complicazioni, in certi casi può diventare un vero problema…a quel punto è necessario correre ai ripari!

Che cos’è il raffreddore?

Come l’influenza, anche il raffreddore, o rinofaringite, è una malattia di tipo infettivo provocata da virus!

L’infezione da parte del virus del raffreddore genera un’infiammazione acuta delle prime vie respiratorie, in particolare del naso e della gola, che provoca dilatazione dei vasi sanguigni, fuoriuscita di liquidi e produzione di muco. Tutto questo va ad ostacolare il passaggio dell’aria e genera la fastidiosa sensazione di “naso chiuso”.

 

I sintomi del raffreddore comprendono perciò starnuti, produzione abbondante di muco, congestione nasale, catarro e mal di gola, tosse, mal di testa e sensazione di stanchezza.

raffreddore

Una sintomatologia generalmente non grave, e che distingue il raffreddore comune dalla ben più temibile influenza che è caratterizzata anche da un rapido innalzamento della temperatura, brividi di freddo, dolori muscolari.

Quali farmaci posso acquistare per contrastare il raffreddore?

Il raffreddore è causato da virus, quindi non va mai trattato con antibiotici (attivi solo in caso di infezione batterica).

In realtà non esistono rimedi che agiscano sulla causa del raffreddore, almeno per ora, e tutti i farmaci impiegati sono di tipo sintomatico, tendono cioè ad alleviare i disturbi che ne derivano, primo fra tutti la congestione nasale.

naso

In farmacia posso scegliere tra un’ampia gamma di farmaci: medicinali per alleviare la tosse, disinfettanti o antinfiammatori per la gola, liquido salino per fluidificare il muco ed i richiestissimi (lo dico per esperienza) decongestionanti nasali!

Leggi ancheRaffreddore del Neonato: Ecco i Metodi per Curarlo 

Decongestionanti: consigli d’uso

Il meccanismo d’azione dei decongestionanti consiste nel far sì che i vasi sanguigni della mucosa nasale si contraggano (sono infatti dei vasocostrittori), limitando la fuoriuscita di liquidi, e quindi riducendo il gonfiore, e diminuendo nel contempo la produzione di muco.

Nella maggior parte dei casi i decongestionanti vengono usati localmente, sottoforma di spray o nebulizzatori, ma sono disponibili anche per via sistemica (orale) come capsule, compresse, sciroppi o granulati effervescenti.

Facciamo la conoscenza di questi “impronunciabili” principi attivi! 🙂

Se guardassimo nel famoso armadietto dei medicinali, probabilmente tutti noi scoveremmo almeno un rappresentante di questa classe di farmaci e allora leggeremmo: fenilefrina, oximetazolina, nafazolina, xilometazolina, pseudoefedrina, efedrina, ecc…ecco sono loro, i fidati alleati nella battaglia contro il naso chiuso!

Ma attenzione, un uso scorretto di questi farmaci può addirittura peggiorare il nostro problema!

spray_nasale--400x300

I decongestionanti per uso locale (spray o gocce) dovrebbero essere impiegati alla minima dose efficace e per un periodo di tempo non superiore ai 5-6 giorni. Infatti, se si sospende il farmaco dopo un periodo di uso intenso, per reazione i vasi sanguigni della mucosa nasale si dilatano in misura notevole, peggiorando la congestione!

Se si ha bisogno di un’azione prolungata è meglio ricorrere, allora, alle preparazioni decongestionanti per via orale, che impiegano più tempo per esercitare il loro effetto ma offrono una copertura prolungata nel tempo, senza “effetto rimbalzo”.

Ricordiamo però che sono dei vasocostrittori, quindi cautela per chi soffre di ipertensione! Mi auguro che chi ha letto questo post sia arrivato fino in fondo…raccomandazioni e consigli d’uso sono “prodotti” difficili da vendere, anche se a costo zero.

L’attenzione del cliente che viene in farmacia si esaurisce con l’emissione dello scontrino e allora le avvertenze diventano eco lontane e i foglietti illustrativi carta straccia…ma dopo due mesi, la stessa persona torna a comprare la dodicesima confezione di spray per il naso perché la congestione da acuta è diventata cronica!!!

 

No Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *