Eiaculazioni Precoci: Cosa Sono e Quali Rimedi Utilizzare?

Le eiaculazioni precoci negli uomini sono considerate un problema intimo fastidioso e veramente imbarazzante. Molti uomini, infatti, finiscono per non voler fare sesso con la propria partner per la vergogna e l’ansia da prestazione.

Si stima che il 20-40% degli uomini si sono imbattuti in questo spiacevole problema durante la loro vita. Uomini che ad un certo punto della loro vita pensano di non riuscire più ad assecondare la propria partner compromettendo così i momenti di intimità.

Ma in tutto questo cosa c’è di vero e cosa no? Le eiaculazioni precoci sono davvero un problema? E’ giusto prendere tutto ciò con ansia e imbarazzo? Scientificamente cosa succede nell’uomo per imbattersi nell’eiaculazione precoce?

In questo articolo, cercheremo di rispondere a tutte queste domande per dare chiarezza all’argomento e indirizzare l’uomo sulla giusta strada. Per non vergognarsi più e viversi con più tranquillità la propria vita sessuale.

Eiaculazioni precoci: realtà contro aspettative

eiaculazioni precoci

Un uomo, complice l’industria del porno, vorrebbe durare quasi all’infinito durante un rapporto sessuale per mostrarsi forte di fronte alla propria donna. Ma a volte è fisiologico scontrarsi contro la natura umana.

Una donna raggiunge l’orgasmo tramite la penetrazione in circa 5-15 minuti. L’uomo, invece, se non controlla la propria eiaculazione, può durare in media 2-6 minuti. Esistono parecchi mammiferi che eiaculano in circa 3-15 secondi.

Tutto ciò cosa sta a significare? Che il sesso, nei nostri anni, è più che altro visto come un divertimento a cui non dare mai fine (o comunque prolungarlo il più possibile). Ma la natura umana vede il sesso come la forma di procreazione, il sesso serve sostanzialmente a riprodurre la specie.

Nelle specie dotate di un pensiero sottosviluppato a quello di un essere umano, il rapporto sessuale serve a tutto ciò e basta.

Nella nostra specie l’orgasmo, producendo un notevole piacere, dà quasi dipendenza e se ne vuole sempre più. Tutto ciò è sbagliato? Assolutamente no.

Non a caso la scienza ha cercato di studiare i comportamenti maschili durante un rapporto sessuale e li ha divisi in alcuni gruppi.

Esistono, infatti, un gruppo di uomini che talvolta eiacula prima della penetrazione o qualche secondo dopo. Sono eiaculazioni precoci? Sono punti di vista, ma di sicuro non è piacevole eiaculare dopo qualche secondo mandando all’aria un momento di piacere.

Quindi, sconfiggere l’eiaculazione precoce è possibile?

Le cause delle eiaculazioni precoci

Ebbene, la risposta è sì! La scienza oltre a studiare i comportamenti maschili durante un rapporto, riscontrando che effettivamente il periodo di eiaculazione varia da uomo a uomo, ha cercato anche di capire perché un uomo eiacula prima di un altro e ha dato delle risposte che vediamo di seguito.

Sostanzialmente, le eiaculazioni precoci negli uomini sono date da due macro fattori che possono essere elencati così:

  • troppa eccitazione
  • poco controllo mentale.

Se già un uomo è preso dall’eccitazione, l’aggiunta dell’ansia da prestazione e di altri fattori, non riuscirà a mantenere il controllo di quello che sta facendo e lascerà fluire il rapporto sessuale in maniera incontrollata.

La realtà, infatti, è che l’eiaculazione precoce non si cura; bensì l’eiaculazione si controlla.

Troppa eccitazione

Essere troppo eccitati all’inizio di un rapporto sessuale è la prima causa dell’eiaculazioni precoci. Può capitare soprattutto quando non si fa sesso da un po’ di tempo e si ha troppa voglia di concludere.

Questa frenesia porta ad essere troppo presi da ciò che si sta facendo aumentando il battito cardiaco e innalzando tutti quei valori ormonali che si attivano per eiaculare.

La chiave, invece, è quella di rimanere molto calmi, quasi distaccati da tutto ciò che sta per succedere. In uno stato che si potrebbe definire quasi meditativo, in pace col mondo e senza pensieri.

In genere, infatti, l’uomo si fa prendere da pensieri troppo erotici e finisce per arrivare prima all’eiaculazione.

Come scritto sopra, così facendo anche i valori fisiologici cambiano drasticamente: il battito cardiaco aumenta pompando più sangue, il respiro aumenta rompendo lo stato di tranquillità necessario, i muscoli del pavimento pelvico si contraggono e così via.

Tutto ciò porta più velocemente all’eiaculazione, oltre al fatto che diventa quasi impossibile da controllare.

Poco controllo mentale

Questa è la diretta conseguenza della troppa eccitazione. La perdita di controllo della mente fa sì che sarà impossibile controllare il proprio corpo, la respirazione, i muscoli del pavimento pelvico e quindi l’eiaculazione.

Per riconoscere la perdita del controllo mentale è sufficiente concentrarsi sullo stato in cui si è durante l’atto sessuale. Perché se ci si lascia troppo andare il corpo attiva le sue risposte ormonali, come detto sopra.

In questo caso, quindi se si è troppo agitati avverrà un rilascio di dopamine tipiche dello stato di eccitazione quasi fuori controllo.

Lo stato di rilassamento e piacere e quasi meditativo, invece, è tipico del rilascio di serotonina. Non a caso è soprannominato come l’ormone della felicità ed è stato riscontrato un basso livello di serotonina in chi non riesce a controllare più di tanto le eiaculazioni precoci.

Come controllare le eiaculazioni precoci

Viste le cause, è ora possibile passare a vedere tutti possibili rimedi per il controllo delle eiaculazioni precoci negli uomini.

Infatti, imparare a controllare le eiaculazioni precoci è possibile ma ha bisogno del suo tempo, di un corretto sforzo mentale e di un buon allenamento.

Perché, come visto sopra, entrano in gioco numerosi fattori: dalla mente ad alcuni muscoli dell’apparato riproduttori, e tutto ciò deve lavorare in una perfetta sincronia che l’uomo impara ad attuare dopo svariato esercizio.

E’ come andare a scuola o in palestra, si impara piano piano ma una volta imparato si riuscirà a gestire tutto senza troppi sforzi.

Respirazione

Si potrebbe dire che una corretta respirazione è in grado di regolare l’eccessiva eccitazione. Come? La respirazione è un’azione involontaria, ad esempio mentre si dorme essa continua nella sua attività.

Ciò succede anche durante l’attività sessuale, la respirazione si fa sempre più breve ed incostante aumentando il battito cardiaco e attivando quei livelli ormonali non desiderati.

Tutto ciò è sbagliato e non aiuta a durare di più.

La giusta respirazione è quella lenta. intensa e duratura. L’inspirazione, infatti, dovrebbe durare qualche secondo e così anche l’espirazione, e circa ogni minuto andrebbe fatto un grosso sospiro.

In aggiunta, una corretta respirazione in questi casi va fatta con l’addome e non gonfiando il petto, come si fa di solito. Tutto ciò aiuterà a regolarizzare il battito cardiaco e a mantenere la calma, senza cadere nell’eccitazione del momento.

Muscolo perineo

Controllare le eiaculazioni precoci è un lavoro sia mentale che fisico. In gioco entrano parecchi fattori interconnessi, come avrai avuto modo di leggere. Il muscolo perineo è uno dei fattori più importanti per controllarle.

Prima di tutto, questo muscolo si trova tra lo scroto e l’ano. E’ possibile riconoscerlo mentre si fa la pipì in quanto è tipico contrarlo una volta finito. Quello è il muscolo perineo ed entra in gioco anche durante l’attività sessuale.

E’ in grado di rallentare l’eiaculazione, se contratto, oltre ad entrare in azione in numerosi altri momenti. Esso, se poco allenato, non sarà d’aiuto nel controllo delle eiaculazioni e farà sì che le eiaculazioni precoci saranno più frequenti.

Allenare questo muscolo è facile ed è possibile farlo con gli esercizi di Kegel, essi consistono nella contrazione del muscolo perineo per determinate ripetizioni e hanno alcune varianti per incrementare il grado di difficoltà dell’allenamento.

Viceversa è fondamentale imparare a rilassarlo perché, come scritto sopra, durante un rapporto sessuale è importante mantenere la mente calma e il fisico rilassato; muscoli inclusi. E tutto ciò lo si fa con gli stessi esercizi, ma inversi.

Focus

Ultimo consiglio, ma non meno importante, è quello di concentrarsi sulla propria partner, su cosa sta provando, per cercare di accrescere ulteriormente il piacere o meno.

Questo fattore farà sì che non rimarrete concentrati unicamente su di voi andando a pensare cose troppo erotiche, ma vi potrete passare il momento nella maniera più piacevole possibile.

Attenzione però, perché tutto il discorso fatto sino ad ora su di voi non andrà dimenticato e dovrete capire subito a che punto siete voi per fermarvi un attimo, o comunque gestire la situazione.

Riflessioni finali

E’ quindi possibile controllare le eiaculazioni precoci? La risposta è sì, tramite gli esercizi giusti e un buon allenamento mentale e fisico è possibile imparare a prolungare il piacere proprio e quella della partner.

E’ comunque giusto fare un appunto finale. L’apparato riproduttore va mantenuto in salute, e gli esercizi di Kegel aiutano molto.

Ma un esame alla prostata e a tutto ciò che gravita attorno ad esso è giusto farlo se non è mai stato fatto prima. Il medico è importante consultarlo per vedere se non ci sono problemi clinici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *