Tampone faringeo: colturale o rapido?

Oltre ad esami su sangue volti a valutare la presenza dello SBEA quali il TAS , lo Streptozyme e più indirettamente gli indici infiammatori (VES ,PCR) e l’emocromo, i test d’elezione rimangono il tampone faringeo. Lo Streptococco Beta Emolitico di gruppo A (acronimo SBEA – nome linneiano Streptococcus pyogenes) è causa di febbre ed infezioni soprattutto tra i bambini tra i 3 e i 5 anni alle vie respiratorie. In rari casi può raggiungere anche organi interni quali polmoni, cuore, meningi causando patologie ben più gravi.

tampone faringeo

Dal tampone faringeo è possibile effettuare due tipi di analisi:

  • Tampone faringeo per germi comuni (e SBEA) colturale con antibiogramma

  • Tampone faringeo – Test rapido per SBEA.

In questo post cerchiamo di esporre i pro ed i contro di ciascun test e quando ne sia consigliabile uno invece dell’altro.

Tampone faringeo per germi comuni e SBEA colturale con antibiogramma

Analogamente a quanto detto per gli esami batteriologici in un precedente articolo, l’esame colturale sul tampone faringeo consiste nel “piastramento” del materiale prelevato dall’operatore nel cavo orofaringeo.

streptococchi

 (Streptococchi al microscopio ottico in falsi colori)

Una importante considerazione: poiché lo SBEA tende ad “internalizzare” ossia ad entrare nelle cellule dell’ospite, nel momento del prelievo gioca un ruolo fondamentale l’esperienza dell’operatore che deve cercare di prelevare più materiale possibile nei luoghi giusti.

Tale materiale viene tipicamente piastrato, entro poco tempo, su piastre contenenti sangue di montone e sostanze “selettive” per inibire la crescita di germi non richiesti.

beta-emolisi

 (Beta emolisi su piastra agar sangue 24h/37°)

Dopo 24 ore di incubazione a temperatura ed atmosfera controllata, l’operatore valuta lo sviluppo di BETA EMOLISI, ossia un alone dovuto alla rottura dei globuli rossi (dal greco : emo= sangue lisi= rottura) a causa di enzimi prodotti dallo SBEA. Qualora non si osservi emolisi è possibile già in questa fase dichiarare negativo il tampone.

In caso di beta emolisi si procede a conferma biochimica dell’identificazione e all’esecuzione dell‘antibiogramma, che ricordiamo, consiste nell’istallazione di colture batteriche del germe isolato con diversi antibiotici a diverse concentrazioni. Per ciascun antibiotico e per ciascuna concentrazione viene definito sensibile il germe che non cresce e resistente il germe che cresce.

Normalmente per l’isolamento del germe vengono richieste altre 24 ore e per l’esecuzione dell’antibiogramma altrettante. Ne risulta che per un test completo sono necessari almeno 72 ore (48 se si utilizzano apparecchiature automatiche che “uniscono” identificazione ed antibiogramma).

Tampone faringeo – TEST RAPIDO PER SBEA

Ti consiglio di approfondire l’articolo su antigeni ed anticorpi.

Mentre la prima fase del test (prelievo del tampone) è analoga alla precedente, quello che avviene dopo è completamente diverso. In questo caso si va a cercare, attraverso un test dotato di anticorpi monoclonali, la presenza di antigeni specifici dello SBEA. Questo fa in modo che la specificità del test (ossia quanto “ci azzecca”  nel distinguere lo SBEA da altri germi) sia altissima.

sbea rapido

(Kit Sbea rapido – Innovacon Inc.)

I test in commercio hanno metodiche che durano dai 3 ai 10 minuti, quindi si ha una risposta immediata. Il test può essere effettuato anche dal medico curante in fase di visita. Una enorme differenza, spesso sottovalutata, è che mentre nel caso del tampone tradizionale ho la capacità di rilevare i germi solo se sono presenti e vitali, in questo caso rilevo anche germi non vitali cosa che succede a terapia antibiotica già iniziata o a seguito di una importante febbre. Di contro non abbiamo la possibilità di eseguire l’antibiogramma e di cercare germi diversi dallo SBEA.

Va da se che sono ambedue ottime metodiche con caratteristiche complementari. Se richiesti al momento giusto ed eseguiti da operatori capaci, sono un’arma infallibile contro un germe che può causare patologie molto importanti.

Dott.Mileto Carrubba

Biologo

6 Comments

  1. marco
  2. pietro zardi
  3. elisabetta
  4. Alessandra
  5. roberta
  6. Elisa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *