PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

Da anni ormai agli uomini oltre i quarant’anni viene chiesto di sottoporsi allo screening del PSA con cadenza almeno annuale. Va detto che il significato clinico di tale pratica è ancora tutt’oggi in discussione.

Infatti come per un qualsiasi altro marker tumorale, anche il PSA dovrebbe essere utilizzato per il follow-up (seguire una patologia già conclamata), più che per lo screening, per il semplice fatto che è soggetto a falsi negativi.

 PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

(Manifesto di sensibilizzazione a cura della World Foundation of Urology)

Fatta questa importante premessa e ricordando che la diagnosi di carcinoma prostatico come quella di prostatite benigna (ipertrofia prostatica benigna o IPB) deve essere fatta dallo specialista Urologo dopo l’esecuzione delle analisi, dell’esplorazione rettale ed in alcuni casi biopsia prostatica, ci accingiamo a parlare del PSA e degli esami ad esso correlati.

 

La prostata

PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

 

(Prostata – in giallo. Si noti l’adiacenza con il retto, motivo per cui è una valida pratica diagnostica l’esplorazione rettale)

 

La prostata è la ghiandola, presente nei mammiferi maschi, deputata a produrre, insieme alle vescicole seminali,la fase liquida del liquido seminale. Negli uomini tale ghiandola è soggetta ad ipertrofia (ingrossamento), infiammazione ed in alcuni casi a neoplasia.

 

Le prostatiti, sia benigne che maligne possono essere sintomatiche (sintomi della prostatite) o non avere sintomi,per cui è fondamentale attuare uno screening su tutti gli uomini con età maggiore ai 40 anni.

PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

 

(In questa illustrazione appare evidente il coinvolgimento della prostata nella riduzione del volume vescicale e nella stenosi uretrale)

 

PSA

PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

 

(Struttura proteica del PSA)

 

Il PSA (Prostatic Specific Antigen), il cui nome sistematico è semenogelasi, ha il compito di mantenere fluido il liquido seminale. Si ricerca con un semplice prelievo del sangue ed il suo aumento quindi è spesso sintomatico di un aumento di attività prostatica. Il valore dovrebbe sempre tendere a zero e comunque essere inferiore a 2,5 ng/mL.

Un campanello di allarme è dato da un valore superiore a tale soglia.

Il PSA può aumentare per diversi motivi, dalla semplice e fisiologica ipertrofia prostatica in persone di età avanzata a malattie ben più serie.

Per affinare la ricerca negli ultimi anni si è abbinato al PSA un altro valore : il rapporto fPSA/tPSA.

Il PSA o tPSA (PSA totale) è infatti numericamente composto da cPSA (PSA complessato) e da fPSA (PSA free o libero).

 Per cui tPSA= fPSA + cPSA

PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

 

 

Si è visto che un rapporto fPSA/tPSA superiore a 20% è spesso predittivo di prostatite di origine benigna. Allo stesso modo cPSA/tPSA deve essere inferiore a 80%.

In base a questi dati ed ovviamente alle informazioni cliniche del paziente, il medico potrà predisporre ulteriori indagini.

E’ da preferire al fPSA l’esecuzione del cPSA poiché dal punto di vista biochimico è più stabile nel siero. Questo soprattutto per i laboratori che non eseguono subito i test.

Introduciamo ora un test di nuova concezione che può essere richiesto qualora il PSA fosse più alto di 2,5 ng/mL

 

PCA3

PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

 

(Sito ufficiale del test PCA3)

Il PCA3 (Prostate Cancer Antigen) è un test  di biologia molecolare che da un valido aiuto al medico che deve decidere se far effettuare un prelievo bioptico (quindi invasivo) al paziente.

Come si deduce dal nome stesso, a differenza del PSA, il PCA3 è specifico per il cancro alla prostata, ossia si rileva solo in presenza di neoplasia.

Tale ricerca viene effettuata da un campione di urine emesso dopo esplorazione digito-rettale (DRE) effettuata dal medico di laboratorio.

 

 …buon senso

PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata

 

 (Dr. Hans Koch, the Dermatologist and Urologist, 1921 – OTTO DIX)

Negli anni si è spesso discusso sulla validità di tali test nello screening preventivo del tumore alla prostata.

Ritengo utile terminare questo articolo con una frase del Dott. Valdagni, Direttore del Programma Prostata, Istituto nazionale dei tumori:

 “ … Ma allora il PSA serve o no? Come dicevamo, serve il BUON SENSO. Ovvero il test è utile se utilizzato nel modo giusto: non come una prova dell’esistenza del tumore, ma come un eccellente indizio. “  tratto da Sanità NEWS 27-07-2009

 

Dott.Mileto Carrubba

Biologo

pubblicato in: Analisi Cliniche
da: Mileto Carrubba

3 Commenti su “PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata”

  1. Tweets that mention PSA : un valido aiuto nella diagnosi di tumore alla prostata | Ilbugiardino -- Topsy.com

    [...] This post was mentioned on Twitter by Marco Ab Aeterno, spherecode. spherecode said: Ai maschietti(e non solo)consiglio questa breve ma interessante lettura sulla prevenzione del carcinoma alla prostata. http://bit.ly/94LRp4 [...]

  2. Prostatite

    Molto molto utile questo articolo. Chiarisce i dubbi sul PSA e PCA3 in modo sintetico e preciso.

    Ogni malattia o tumore alla prostata prima di essere trattata deve essere correttamente diagnosticata, altrimenti si rischia di allarmare il paziente o peggio fare danni.

    Sono molto favorevole ai trattamenti naturali anche per il tumore alla prostata. In questo caso credo l’alimentazioni giochi un ruolo fondamentale.

    Marco

  3. Armando Picone

    Ho fatto l’esame del PSA ed il Fpsa-psa totale mi da un valore di meno 11% mentre la. Normalità’ e’ di meno il 20% cosa significa? Gli altri dati sono nella norma

Commenta il post